FAQ API di ricloud

aggiornato

Abbiamo raccolto le domande più frequenti su ricloud qui.

Cos'è ricloud?

ricloud è il nome dell'API dei dati cloud di Reincubate. L'API consente agli utenti di accedere facilmente ai dati dai dispositivi iOS tramite Wi-Fi, USB o tramite una connessione iCloud.

Come posso ottenere supporto?

L'assistenza clienti è disponibile via e-mail all'indirizzo ent-support@reincubate.com e tramite canali di integrazione Slack privati. I clienti possono contattare il team di supporto per organizzare la configurazione del canale di integrazione.

Dove posso vedere lo stato del servizio e eventuali note sulla manutenzione?

Manteniamo una pagina di stato su status.reincubate.com . Le pagine di stato consentono agli utenti di iscriversi agli aggiornamenti. Gli aggiornamenti vengono inviati per qualsiasi manutenzione programmata o di emergenza.

Quale lingua è la migliore per l'integrazione con ricloud?

Il team di tecnici Reincubate utilizza principalmente Python. Di conseguenza, le implementazioni client di esempio più sofisticate sono costruite in Python, sebbene non ci sia alcun motivo per usare la lingua. L'API viene utilizzata dai client che eseguono .NET / C #, PHP, Python, Java e JavaScript / Node.js.

Dove è ospitata l'API di ricloud?

L'infrastruttura dell'API ricloud è ospitata da numerosi provider negli Stati Uniti, nell'UE e in Canada, tra cui Google Cloud Platform, Amazon Web Services e Microsoft Azure. Ospitiamo molti clienti nordamericani con GCP e i costi della larghezza di banda del cliente possono essere ridotti laddove scelgono i bucket in modo che corrispondano alla stessa regione in cui ospitiamo.

Consigliamo ai clienti di utilizzare partner di hosting con peering di livello 1 per garantire un accesso affidabile e ad alta larghezza di banda.

Riduzione al minimo del blocco dell'account iCloud

Apple blocca gli account iCloud con una varietà di frequenze basate su un ampio e dinamico insieme di criteri. In generale, questi rientrano in tre categorie:

  1. Il modo in cui un pezzo di tecnologia comunica
  2. La natura dell'infrastruttura utilizzata per comunicare
  3. Il ritmo, i modelli e la frequenza con cui questa tecnologia comunica

L'API ricloud si rivolge a tutti e tre mentre si evolvono. Il primo è gestito dal codice proprietario dietro l'API e il secondo dallo stack infrastrutturale sostanziale e complesso gestito da Reincubate. Tuttavia, quando si controlla direttamente l'API, i client possono avere difficoltà a gestire il n. 3 su larga scala o in casi d'uso che richiedono il polling regolare.

Il servizio di pianificazione ricloud è progettato per gestirlo per i clienti ed è consigliato per l'accesso diretto per questi casi d'uso.

Quali sono le migliori pratiche quando si utilizza ricloud?

Esistono diverse best practice da utilizzare per sfruttare al meglio l'API ricloud.

  • Utilizzare questa documentazione. Molte delle domande più frequenti trovano risposta in questi materiali e la documentazione viene regolarmente aggiornata.
  • La pagina dello stato dell'API può essere utilizzata per registrarsi per aggiornamenti su qualsiasi manutenzione pianificata o di emergenza dell'API.
  • I clienti che sfruttano un canale di integrazione Slack tendono ad andare in diretta prima.
  • Il client Open Source fornisce un esempio completo di integrazione con il servizio ricloud ed esamina che (o riutilizzando il codice da esso) può risparmiare molto lavoro durante l'integrazione.
  • Seguire le migliori pratiche di sicurezza e privacy e non archiviare le credenziali dell'utente finale. Utilizzare invece il sistema di tokenizzazione.
  • Non codificare in modo rigido l'invio delle attività o gli endpoint dei risultati nelle richieste: mentre possono spesso assumere lo stesso valore, l'API può variare di volta in volta.
  • Non generare più attività di quelle necessarie: ad esempio, il polling per gli aggiornamenti di backup non è necessario più di alcune volte al giorno e si può fare molto per escogitare un programma accurato per questo. L'API è in grado di completare un gran numero di attività e generare molti dati in un breve lasso di tempo.
  • Reincubare ritiene che sia una buona pratica contattare direttamente i titolari degli account nei momenti in cui i loro account vengono consultati per la prima volta, e quindi su base continuativa per assicurarsi che siano attività informate dei clienti. Vedi migliorare la privacy per maggiori dettagli.

L'API ricloud memorizza dati di feed o file?

No. I dati di feed e file vengono trasmessi in streaming ai bucket client e non persistono nello stack RI.

In alcuni casi l'API persisterà alcuni metadati, in particolare laddove lo scheduler mantiene una finestra mobile di metadati per aiutarlo a calcolare finestre di polling accurate.

Quali limiti sono impostati su una chiave di prova?

I limiti delle chiavi di prova possono variare in base alla natura della chiave. Possono essere limitati da:

  • Numero di dispositivi o account accessibili tramite la chiave
  • Supporto per account non-2FA / 2SV (ad esempio, agli utenti di prova può essere impedito l'accesso agli account non-2FA per motivi di conformità)

Perché non vedo alcun dato per il tipo di dati xyz?

Se visualizzi una risposta vuota da ricloud e non un errore, significa che l'origine dati era vuota. Per assicurarti che i dati siano disponibili e pronti per il recupero da ricloud, prova i passaggi elencati di seguito.

  1. Assicurarsi che l' impostazione associata per il tipo di dati sia attivata.

    • Per i tipi di dati in cui la sorgente è un backup del dispositivo iOS, significa attivare i backup di iCloud in Settings > [user name] > iCloud > iCloud Backup > iCloud Backup e assicurandosi che il dispositivo sia stato sottoposto a backup almeno una volta. Un backup può essere attivato manualmente premendo il pulsante Back Up Now nella schermata sopra indicata.
    • Per i tipi di dati in tempo reale e quasi, le impostazioni tendono ad essere più specifiche per il servizio responsabile della sincronizzazione dei dati con iCloud. Ad esempio, l'impostazione associata a Trova il mio iPhone è disponibile in Settings > [user name] > iCloud > Find My iPhone > Find My iPhone . L' impostazione associata è elencata accanto ad altre proprietà del tipo di dati nella documentazione dei servizi.
  2. Assicurati che il dispositivo abbia l'opportunità di sincronizzare i dati.

    • Per i feed basati su backup iCloud, il dispositivo deve essere collegato e bloccato per iniziare un backup iCloud automatico. Puoi comunque attivare un backup manuale in qualsiasi momento.
    • Per i tipi di dati in tempo reale e near-time, i trigger di sincronizzazione variano in base alla progettazione del servizio. In generale, possono essere necessarie circa 4-6 ore per eseguire alcuni dei processi di sincronizzazione più lenti.

Come possiamo aiutare?

Il nostro team di supporto è qui per aiutarti!

I nostri orari di ufficio sono dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00 GMT. L'ora è attualmente 1:38 AM GMT.

Miriamo a rispondere a tutti i messaggi entro un giorno lavorativo.

Vai alla sezione di supporto › Contatta il team aziendale ›
Il nostro fantastico team di supporto

Possiamo migliorare questo articolo?

Ci piace ascoltare gli utenti: perché non mandarci un'email, lasciare un commento o twittare @reincubate?

© 2008 - 2020 Reincubate Ltd. Tutti i diritti riservati. Registrato in Inghilterra e Galles #5189175, VAT GB151788978. Reincubate® è un marchio registrato. Politica sulla riservatezza & condizioni. Raccomandiamo 2FA. Costruito con a Londra.