Dati delle app in assicurazione: Admiral e Facebook

Pubblicato aggiornato
Cover image for: Dati delle app in assicurazione: Admiral e Facebook

Ieri è iniziato con la notizia della mossa della compagnia assicurativa britannica Admiral di migliorare i propri prezzi assicurativi utilizzando i dati delle app raccolti dalla piattaforma di Facebook. The Guardian ha pubblicato un pezzo che evidenzia alcuni dei rischi apparenti derivanti dall'utilizzo di questi dati. Entro tre ore dal lancio del servizio, Facebook ha bloccato e bloccato lo schema .

Nonostante l'attenzione che questo ha attirato, la discussione che ne deriva è spesso inquadrata nel modo sbagliato. Vi sono molti dati preziosi che Facebook detiene sui singoli individui, ed è chiaro che tali informazioni devono essere salvaguardate e utilizzate solo con trasparenza e autorizzazione. Ma piuttosto che questo riguarda l'ammiraglio che cospirava per sfruttare i dati dell'utente - e Facebook che si difende per i diritti dell'utente - i fatti sono diversi. Il principio in gioco qui non è se una compagnia di assicurazioni possa utilizzare questi dati, ma se siano individui o Facebook che possono controllare come vengono utilizzati i propri dati.

Come Julia Powles ha scritto l'anno scorso nel Guardian:

La privacy riguarda l'avere potere decisionale, controllo, su cui vengono rivelati gli atti e gli eventi delle nostre vite ea chi, libero dagli occhi indiscreti di stati, corporazioni e vicini. La privacy ci offre la libertà di svilupparci nel mondo.

Nel corso degli anni gli utenti hanno raccolto le loro informazioni in modo furtivo e incrementale, spesso in modi non chiari. " Fidati di noi ", suggerì notoriamente il fondatore Mark Zuckerberg. In questa circostanza, una terza parte sta cercando di innovare e chiede agli utenti se condivideranno felicemente i dati che Facebook ha raccolto su di loro. La posizione di Facebook non protegge la privacy degli utenti, ma soffoca invece l'innovazione e garantisce che siano l'unica azienda a utilizzare i dati di una persona per la fornitura di servizi. Dopotutto, Facebook ha già il proprio brevetto sull'utilizzo di questi dati per valutare il merito creditizio degli utenti e sta esplorando sempre più altri modi per monetizzare i dati personali man mano che le entrate pubblicitarie diminuiscono .

Nel tentativo di implementare questo servizio, Admiral sta cercando di innovare in modo da favorire i consumatori. Non stavano proponendo di raccogliere dati senza l'autorizzazione di un utente: agli utenti è stato chiesto se avrebbero concesso l'autorizzazione affinché i loro dati fossero analizzati per usufruire del servizio. I sostenitori della privacy denigrano la raccolta di questi dati, ma sono già stati raccolti da Facebook, una società che ha lottato per costruire un approccio solido e coerente alla privacy dei dati.

Ci sono molti usi positivi a cui tali dati possono essere sottoposti. Dalla protezione delle famiglie , alla realizzazione di prodotti assicurativi , dall'assistenza con diagnosi proattiva all'individuazione di pregiudizi discriminatori . In un mondo in cui le persone installano blocchi pubblicitari per impedire che i loro dati vengano acquisiti senza trasparenza o ricompensa, la mossa di Admiral di chiedere l'autorizzazione e fornire un vantaggio di conseguenza sembra un sano passo avanti. Come ha affermato l' Ufficio del Commissario per le informazioni del Regno Unito:

La legge dice che l'uso delle informazioni personali deve essere equo. Una parte fondamentale di tale equità è garantire che le persone siano informate su come i loro dati saranno raccolti e utilizzati.

Quattro grandi aziende tecnologiche statunitensi - Alphabet, Amazon, Facebook e Microsoft - stanno acquisendo e sfruttando sempre più dati su individui di tutto il mondo. Coloro che si posizionano contro schemi come quello dell'ammiraglio proposto non sono in realtà contro Facebook che condivide questi dati con il consenso dell'utente: sono contrari alle società tecnologiche che stanno raccogliendo questi dati in primo luogo. Tuttavia, criticando i piani dell'Ammiraglio, stanno aiutando Facebook a stringere la presa sui dati dei consumatori in un mondo in cui una quantità sproporzionata di dati e di potere è nelle mani di pochi . Dovrebbero essere solo aziende tecnologiche inattaccabili che gestiscono piattaforme in grado di creare valore con questi dati?

La missione di Reincubate di fornire accesso ai dati da queste piattaforme di app ed ecosistemi è di aiutare le persone a farne uso in modo aperto e positivo. È meglio che questi dati vengano utilizzati in modo trasparente e con il consenso , come parte di una discussione informata sul valore di tali dati, e che il valore di questi dati sia condiviso e controllato dalle persone che lo hanno creato.

Circa l'autore

Aidan Fitzpatrick ha fondato Reincubate nel 2008 dopo aver realizzato il primo strumento di recupero dati per iPhone, iPhone Backup Extractor. Ha parlato a Google di imprenditorialità e si è laureato alla Leadership Academy dell'Organizzazione degli imprenditori.

Reincubate's CEO presso Buckingham Palace

Nella foto sopra sono membri del team di Reincubate che incontra HM Queen Elizabeth Ⅱ a Buckingham Palace, dopo aver ricevuto il premio aziendale più alto del Regno Unito per il nostro lavoro con la tecnologia Apple. Leggi la nostra posizione sulla privacy, sicurezza e protezione .

Possiamo migliorare questo articolo?

Ci piace ascoltare gli utenti: perché non mandarci un'email, lasciare un commento o twittare @reincubate?

© 2008 - 2019 Reincubate Ltd. Tutti i diritti riservati. Registrato in Inghilterra e Galles #5189175, VAT GB151788978. Reincubate® è un marchio registrato. Termini e Condizioni. Raccomandiamo 2FA. Costruito con a Londra.