La guerra sui dati delle app: Twitter contro le forze dell'ordine degli Stati Uniti

Aidan Fitzpatrick

Di Aidan Fitzpatrick

Pubblicato

aggiornato

Guarda come sono qualificato per scrivere questo articolo

Twitter ha agito all'inizio di maggio per limitare l'accesso da parte delle forze dell'ordine e dei servizi di sicurezza statunitensi per accedere al suo firehose di dati delle app degli utenti. Twitter non fornisce questo servizio direttamente, ma piuttosto attraverso una società privata, Dataminr, in cui detiene una quota del 5%. La società afferma di avere una politica preesistente di non fornire dati alle agenzie governative allo scopo di spiare, anche se sembra che Dataminr abbia fornito informazioni all'intelligence statunitense per qualche tempo.

Un certo numero di alti funzionari statunitensi ha detto al Wall Street Journal della mossa di Twitter, sottolineando il crescente interesse e le tensioni sull'uso e l'accesso ai dati delle app, specialmente negli ambienti governativi. Twitter - tra le altre app - viene utilizzato da gruppi terroristici come ISIL per le comunicazioni e quindi è di particolare interesse per i servizi di intelligence.

Le funzionalità di accesso ai dati delle app forniscono informazioni estremamente preziose per le agenzie. I dati di Twitter hanno avvisato gli Stati Uniti degli attacchi terroristici di Parigi mentre si svolgevano e degli attacchi terroristici a Bruxelles circa 10 minuti prima che i media mainstream iniziassero a riferire.

Altre società tecnologiche statunitensi hanno recentemente respinto i gruppi federali statunitensi. Apple ha assunto l'FBI per l' accesso ai dati delle app sull'iPhone di San Bernadino e Microsoft sta combattendo un mandato del Dipartimento di Giustizia per i dati delle app email dell'Irlanda. Google e Facebook (tramite WhatsApp) hanno supportato Apple contro l' installazione di backdoor mobili per scopi di raccolta dati delle app remote.

L'FBI, il Dipartimento di Giustizia, Apple, Google e Microsoft sono tutti licenziatari della tecnologia di Reincubate. Le API dei dati delle app di reincubazione forniscono funzionalità per accedere e interpretare i dati delle app su diverse piattaforme. Per ulteriori informazioni, leggi l' API iCloud .

Circa l'autore

Aidan Fitzpatrick founded Reincubate in 2008 after building the world's first iPhone data recovery tool, iPhone Backup Extractor. He's spoken at Google on entrepreneurship, and is a graduate of the Entrepreneurs' Organisation's Leadership Academy.

Reincubate's CEO presso Buckingham Palace

Nella foto sopra sono membri del team di Reincubate che incontra HM Queen Elizabeth Ⅱ a Buckingham Palace, dopo aver ricevuto il premio aziendale più alto del Regno Unito per il nostro lavoro con la tecnologia Apple. Leggi la nostra posizione sulla privacy, sicurezza e protezione .

Possiamo migliorare questo articolo?

Ci piace ascoltare gli utenti: perché non mandarci un'email, lasciare un commento o twittare @reincubate?

© 2008 - 2019 Reincubate Ltd. Tutti i diritti riservati. Registered in England and Wales #5189175, VAT GB151788978. Reincubate® is a registered trademark. Termini e Condizioni. Raccomandiamo 2FA. Costruito con a Londra.